US Immigration


[tp not_in=”it” ]

Immigration-300x300

America has always been a nation of immigrants By the 15th century, the first Europeans, led by the Spanish and French, had begun establishing settlements in what would become the United States. In 1607, the English founded their first permanent settlement in present-day America at Jamestown in the Virginia Colony.The majority of immigrants came to America seeking economic opportunities. However, because the price of passage was steep, an estimated one-half or more of the white Europeans who made the voyage did so by becoming indentured servants.

Another group of immigrants who arrived against their will during the colonial period were black slaves from West Africa. The U.S. Civil War (1861-1865) resulted in the emancipation of approximately 4 million slaves. Although the exact numbers will never be known, it is believed that 500,000 to 650,000 Africans were brought to America and sold into slavery between the 17th and 19th centuries.

Between 1815 and 1865. The majority of newcomers hailed from Northern and Western Europe with almost one-third from Ireland, which experienced a massive famine in the mid-19th century. Indeed In the 1840s, almost half of America’s immigrants were from Ireland alone. Typically impoverished, these Irish immigrants settled near their point of arrival in cities along the East Coast. Between 1820 and 1930, some 4.5 million Irish migrated to the United States.

The 19th century saw the United States receive some 5 million German immigrants. Many of them journeyed to the present-day Midwest to buy farms or congregated in such cities as Milwaukee, St. Louis and Cincinnati. In the national census of 2000, more Americans claimed German ancestry than any other group.

During the mid-1800s, a significant number of Asian immigrants settled in the United States. Lured by news of the California gold rush, some 25,000 Chinese had migrated there by the early 1850s. Following the Civil War, the United States experienced a depression in the 1870s that contributed to a slowdown in immigration.

One of the first significant pieces of federal legislation aimed at restricting immigration was the Chinese Exclusion Act of 1882, which banned Chinese laborers from coming to America. Californians had agitated for the new law, blaming the Chinese, who were willing to work for less, for a decline in wages.

For much of the 1900s, the federal government had left immigration policy to individual states. However, by the final decade of the century, the government decided it needed to step in to handle the ever-increasing influx of newcomers and designated Ellis Island in New York Harbor near the Statue of Liberty, as a federal immigration station. More than 12 million immigrants entered the United States through Ellis Island during its years of operation from 1892 to 1954.

1880 to 1920 was a time of rapid industrialization and urbanization, America received more than 20 million immigrants. Beginning in the 1890s, the majority of arrivals were from Central, Eastern and Southern Europe. In that decade alone, some 600,000 Italians migrated to America, and by 1920 more than 4 million had entered the United States. Jews from Eastern Europe fleeing religious persecution also arrived in large numbers; over 2 million entered the United States between 1880 and 1920.

After the war, Congress passed special legislation enabling refugees from Europe and the Soviet Union to enter the United States. Following the communist revolution in Cuba in 1959, hundreds of thousands of refugees from that island nation also gained admittance to the United States.

In 1965, Congress passed the Immigration and Nationality Act, which did away with quotas based on nationality and allowed Americans to sponsor relatives from their countries of origin. As a result of this act and subsequent legislation, the nation experienced a shift in immigration patterns. Today, the majority of U.S. immigrants come from Asia and Latin America rather than Europe.

Adevia Health has long experience of recruiting nurses for US hospitals. Over the years we have built excellent relationships with two immigration attorneys which are fully conversant with facilitating the immigration of healthcare professionals.

Musillo Unkenholt LLC is a full-service immigration law firm headquartered in Cincinnati, Ohio and serving clients throughout the United States and the world. Their attorneys have vast experience in an array of immigration processes. They focus on business immigration matters for a range of industries, including healthcare, information technology, recruitment, staffing, construction, engineering, finance, and consulting.

http://www.muimmigration.com/ Contact: Chris Musillo

Immigration Solutions Inc, highly energized group of individuals with a wealth of experience on a complete spectrum of us immigration issues. The company is extremely motivated and sensitive to the urgency in immigration matters.

http://www.immigrationsolutionsinc.com/ Contact: Leslie Davis

Nurses can also obtain a good overview from the US Immigration Service website:

http://www.uscis.gov/portal/site/uscis

[/tp]
[tp lang=”it” not_in=”en,de,es,pt,fr” only]

Immigration-300x300

L’America è sempre stata una nazione di immigrazioni dal 15esimo secolo, I primi europei, guidati dagli spagnoli e dai francesi, cominciarono stabilirsi in quelli che poi sarebbero diventati gli USA.

Nel 1607 gli inglesi fondarono la loro prima colonia permanente in quella che oggi è l’America a Jamestown in Virginia. La maggior parte degli emigranti vanno in America per migliori condizioni economiche. Tuttavia, a causa dell’elevato prezzo di passaggio si stima che più della metà degli europei che si sono trasferiti era costretta a fare un contratto che li legava allo stesso datore di lavoro per un certo numero di anni.

Un altro gruppo di immigranti che arrivò contro la loro volontà durante il periodo coloniale furono gli schiavi neri dall’africa dell’ovest.La guerra civile americana (1861-1865) è il risultato dell’emancipazione di circa 4 milioni di schiavi.Anche se il numero esatto non potrà mai essere conosciuto si crede che tra 500000 e 650000 Africani furono portati in America e venduti in schiavitù tra il 17esimo e il 19esimo secolo.

Tra il 1815 e il 1865 la maggior parte degli emigranti veniva dal nord e ovest dell’Europa, con quasi un terzo dall’Irlanda che attraversava una grande carestia alla metà del 19esimo secolo.Negli anni 40 dell’800 quasi la metà degli emigranti veniva dall’Irlanda da sola, tipicamente impoveriti questi irlandesi si stabilizzarono vicino al punto di arrivo nelle città sulla costa orientale. Tra il 1820 e il 1830, circa 4.5 milioni di irlandesi migrarono verso l’America.

Il 19esimo secolo vide gli USA ricevere circa 5 milioni di emigranti tedeschi.Molti di essi soggiornarono nell’attuale Midwest per comprare fattorie e simili in città come Milwaukee, St. Luis and Cincinnati. Nel censimento nazionale del 2000, molti dichiararono di avere origini tedesche, più di altri gruppi.

Durante la metà del 1800, un numero significativo di emigranti asiatici si trasferì in America. Attirati dalla notizia della corsa all’oro, quasi 25000 cinesi emigrarono lì nei primi anni 50 dell’800. A seguito della guerra civile gli USA sperimentarono una depressione nel decennio del 1870 che contribuì a rallentare l’immigrazione.

Uno dei più importanti estratti della legge federale voleva porre restriioni all’immigrazione fu il Chinese Exclusion Act del 1882, che impediva ai lavoratori cinesi di andare in America. I californiani supportarono la nuova legge, riversando la colpa sui cinesi che volevano lavorare per meno di un abbassamento dei salari.

Per la maggior parte del 1900 il governo federale lasciò decidere ai singoli stati per le leggi sull’immigrazione. Tuttavia nell’ultima decade del secolo il governo manifestò la necessità di regolamentare il flusso sempre crescente di immigrati e designo Ellis Island a New York Harbor vicino alla statua della libertà, come una stazione federale per l’immigrazione. Più di 12 milioni di immigrati entrarono negli USA attraversi Elllis Island durante gli anni di operatività dal 1892 al 1954, fu un tempo di rapida industrializzazione urbanizzazione, l’America ricevette più di 20 milioni di emigranti.

All’inizio degli anni 90 dell’800la maggior parte arrivava dall’Europa centrale orientale e del sud.In quella sola decade circa 600000 Italiani emigrarono in America e entro in 1920 più di 4 milioni di Italiani erano entrati negli USA.Gli ebrei dall’est dell’Europa, a seguito di persecuzioni religiose, arrivarono in grande numero; più di 2 milioni entrarono in America tra il 18880 e il 1920.

Dopo la guerra il congresso passò una legislazione speciale che proibiva a chi veniva dall’Europa. dell’est e dall’unione sovietica di entrare in America.A seguito della rivoluzione comunista a Cuba nel 1959, centinaia di migliaia di rifugiati da quell’isola ottennero l’accesso agli USA.
Immigration-3-300×214

Nel 1965, il congresso passò l’Immigration and Nationality Act, che diede al via a quote in base alla nazionalità e permise agli Americani di chiamare i parenti dal loro paese di origine. Come risultato di questo atto e della conseguente legislazione la nazione sperimentò una variazione nella direzione delle imigrazioni. Oggi la maggior parte degli emigranti americani viene dall’Asia e dall’America Latina piuttosto che dall’Europa.

Adevia Health ha una lunga esperienza nel reclutamento di infermiere per gli ospedali negli USA. Negli anni abbiamo costruito eccellenti relazioni con due avvocati di immigrazione che facilitano l’immigrazione di professionisti del settore sanitario.

Musillo Unkenholt LLC è un servizio completo per la legge sull’immigrazione nel centro di Cincinnati, in Ohio e serve clienti negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

I loro addetti hanno una vasta esperienza nel processo dell’immigrazione, si concentrano su questioni di un’immigrazione d’affari per una vasta gamma di settori, inclusa l’assistenza sanitaria, la tecnologia, il reclutamento, il personale, l’ingegneria, la finanza e la consulenza.

http://www.muimmigration.com/ Contact: Chris Musillo

Immigration Solutions Inc è un gruppo di individui con una grande esperienza in un largo spettro di aspetti sull’immigrazione. L’azienda è estremamente motivata e attenta all’urgenza dell’immigrazione.

http://www.immigrationsolutionsinc.com/ Contact: Leslie Davis

Le infermiere possono inoltre ottenere una buona visione d’insieme sul sito di immigrazione statunitense:

http://www.uscis.gov/portal/site/uscis

[/tp]


© Adevia Health 2016